Quella del 25 novembre è un giornata importante dedicata a un tema che, purtroppo, è sempre d’attualità: l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha istituito per il 25 novembre, la giornata internazionale contro la violenza sulle donne.
Questa ricorrenza è stata istituita per focalizzare tutta l’attenzione dell’opinione pubblica su questo tema di grande attualità.

La violenza contro le donne da qualche tempo è sempre più al centro del dibattito pubblico.
Il perché è presto detto: persino in un’epoca che si professa civilizzata come la nostra il fenomeno sta raggiungendo dimensioni che definire barbariche è poco.
Come vedremo, i dati dimostrano che la modernità è arrivata quasi in tutto: nella tecnologia, nei trasporti, nelle comunicazioni, nell’alimentazione.
I rapporti più civili tra i sessi sembrano essere ancora una conquista lontana.

Un anno fa, nel  settembre 2018, il dato era di:

  • 3 milioni e 466 mila donne che in Italia negli ultimi 5 anni hanno dichiarato di aver subito stalking
  • Una donna uccisa ogni tre giorni nel 2017
  • 1.740 donne uccise negli ultimi 10 anni, di cui 1.251 (il 71,9%) in famiglia.

Nel primo semestre del 2018 il Telefono Rosa ha registrato 4 mila 664 telefonate, il 53% in più dell’anno precedente.

VIOLENZA SULLE DONNE E FEMMINICIDIO: I DATI
Statistiche sicure non ce ne sono. Si potrebbero contare le sentenze di condanna per fatti di violenza contro le donne.
Un numero attendibile non esiste perché sono pochissime le donne che denunciano di aver subito violenza, e ancora meno poi i casi che arrivano a sentenza.

Oltre ai singoli dati sopra riportati, l’ultimo studio ufficiale strutturato sull’Italia risale al 2014: è una ricerca dell’Istituto di Statistica italiano,
l‘Istat, che ha chiesto ad un campione di 24.761 donne di raccontare se negli anni precedenti avevano subito violenze o molestie.
Risultato: le stime sono terribili. Dai risultati è emerso che “6 milioni 788 mila donne hanno subìto nel corso della propria vita una qualche forma di violenza fisica o sessuale, il 31,5% delle donne tra i 16 e i 70 anni: il 20,2% ha subìto violenza fisica, il 21% violenza sessuale, il 5,4% forme più gravi di violenza sessuale come stupri e tentati stupri.
Sono 652 mila le donne che hanno subìto stupri e 746 mila le vittime di tentati stupri” e ancora “Le donne subiscono anche molte minacce (12,3%). Spesso sono spintonate o strattonate (11,5%), sono oggetto di schiaffi, calci, pugni e morsi (7,3%).
Altre volte sono colpite con oggetti che possono fare male (6,1%).”

Impara a difenderti, gestirai ogni tipo di aggressione.
Vuoi acquisire sicurezza e forza in te stesso e stare bene mentalmente e fisicamente?
Questa è la disciplina che fa al caso tuo.
Vieni a provare il nostro corso di difesa personale:
Siamo all’interno del centro sportivo Rari Nantes a Cagliari,
palestra Luca Frau Training
telefono: 392.9433249
indirizzo: calata dei trinitari 4 (porto turistico su siccu)
sito web: Difesa Personale Cagliari – TAMM COMBAT